Ara lausetz, lauset, lauset!

32 Views
Published
Ensemble: Capella de Ministrers
CD: Amors e Canso

Tutti i diritti riservati ai musicisti della Capella de Ministrers, il video ha il solo scopo di diffondere la bellezza della musica del Medioevo.

Per acquistare l'opera: https://www.amazon.it/Amors-Canso-Capella-Ministrers/dp/B001HDO5BE

Nel video: fotografie di Sant Joan de les Abadesses e miniature dal Roman de la Rose

Informazioni: http://musicamedievale.blogspot.com

-•–•–•–•–•–•–•–•–•–•–•–



Testo

Ara lausetz, lauset, lauset li comandamen l’abbet.
«Bela, si vos eravatz moina de nostra maiso,
a profit de totz los moines vos pendriatz liuraso; 
mas vos non estaretz, bela, si totz lo jorns enversa no»,
zo dix l’abbet.

«Bela, si vos voliatz en nostr’orden remanir,
gras capos ne grosses oches no vos poirian falir;
mas a vos covenra, bela, ab totz los monges a jazir
ez ab l’abbet.

Ara lausetz, lauset, lauset li comandamen l’abbet.

Er nos em qatre vint moines tuit d’una religio,
e qan l’uns fa tort a l’altre ab grans verges nos batom;
mas vos no seretz batuda si de colps de cuilos no»,
zo dix l’abbet.

Ara lausetz, lauset, lauset li comandamen l’abbet.

«Si vos ez qatre vint moines, jo vulria mais de cen,
e serai•ne fort irea si no•us ren totz recreenz;
levarai vos la quintena, firetz tuitx ardiamen
ab vostr’abet».

Ara lausetz, lauset, lauset li comandamen l’abbet.

«Bela, anuit intraretz dinz en nostre dormitor;
de cincanta qatre moines vos en farem cobertor:
non ausirez sein ne clotxa si de vits sejornatz no»,
zo dix l’abbet.

Ara lausetz, lauset, lauset li comandamen l’abbet.

Aras n’intra nostr’amia ab los fraires el dormitor:
ja non exira la bela tro qe dessus e desor
li don l’abbet.

Ara lausetz, lauset, lauset li comandamen l’abbet.

Traduzione

Ora sia lode, lode, lode a ciò che l'abate dispone!

“Bella, se foste monaca del nostro monastero,
a vantaggio di tutti i monaci prendereste la vostra razione;
ma non lo sarete, bella, se non sempre in posizione prona”,
questo disse l'abate.

“Bella, se voleste rimanere nel nostro ordine,
non vi potrebbero mancare grassi capponi e grosse oche;
ma dovrete, bella, giacere con tutti i monaci
e con l’abate.

Ora sia lode, lode, lode a ciò che l'abate dispone!

In questo momento siamo ottanta monaci, tutti di uno stesso credo,
e quando l'uno fa torto agli altri lo battiamo con grandi bastoni;
ma voi non sarete battuta se non da colpi di coglioni”,
questo disse l’abate.

Ora sia lode, lode, lode a ciò che l'abate dispone!

“Se voi siete ottanta monaci, ne vorrei più di cento
e mi irriterei molto se non riuscissi a sfiancarvi tutti quanti;
drizzerò davanti a voi la quintana: colpirete tutti con ardimento insieme
al vostro abate”.

Ora sia lode, lode, lode a ciò che l'abate dispone!

“Bella, questa notte entrerete nel nostro dormitorio
e in cinquantaquattro monaci vi faremo da coperta:
non sentirete squillo né campana, ma solo battacchi ben riposati”,
questo disse l’abate.

Ecco che la nostra amica entra con i frati nel dormitorio:
non ne uscirà, la bella, finché l'abate non gliene dà di sopra e di sotto!
Ora sia lode, lode, lode a ciò che l'abate dispone!
Category
Medieval
Tags
Musica medievale, medieval music, ara lausetz
Be the first to comment